Macarons al caffè latte con ganache di cioccolato e fragole

Se dovessi trovare una mia nemesi, un nemico che si presenta di volta in volta sicuramente è la preparazione dei più noti macarons francesi. 
Questi bocconcini gustosamente dolci provenienti dai cugini d'oltralpe, sono divenuti famosi negli ultimi anni sbarcando nel nostro paese in moltissime pasticcerie e diventando un ottimo momento di pausa per gli appassionati delle delicatezze mignon. 

Nonostante siano una semplice unione tra farina di mandorle, zucchero a velo e albumi molto similari alla preparazione delle spumose meringhe, ho sempre avuto una estrema difficoltà nella gestione dei piccoli dischetti da assemblare. 

Potevo tirarmi indietro e lasciar perdere la sfida?  Giammai ! Ed ecco a voi i Macarons al caffè latte con ganache di cioccolato e una punta di fragole.




Macarons al caffè latte con ganache di cioccolato e fragole
Macarons al caffè latte con ganache di cioccolato e fragole



Macarons al caffè latte con ganache 
di cioccolato e fragole: la ricetta (circa 8 pasticcini)


  • Ingredienti per la base (macarons): 120 g farina di mandorle, 120 g albume, 200 g zucchero a velo, 2 cucchiaino di caffè latte*, 60 g zucchero semolato.
  • Ingredienti per la ganache di cioccolato e fragole: 200 ml panna da cucina o panna fresca da montare, 80 g cioccolato al latte, 4 fragole frullate, 1 noce di burro.



  • Preparazione dei macarons: prepariamo alcuni minuti prima una moka di caffè da poi unire al latte lasciando che si raffreddino prima di utilizzarli.
  • Nel frattempo mescoliamo lo zucchero a velo con la farina di mandorle, aggiungendo il caffè latte raffreddato.
  • Montiamo a neve ben ferma gli albumi aggiungendo a metà del procedimento lo zucchero semolato, un cucchiaino alla volta fino al completamento dei sui 60 grammi. 
  • Aggiungiamo agli albumi montati la farina di mandorle con il caffè, mescolando dal basso verso l'alto con un movimento lento per non smontare il composto.
  • Prendiamo una teglia da forno e la ricopriamo con la apposita carta dove andremo a formare con l'aiuto di un coppa pasta, tanti cerchietti di ben 3 cm. Rigiriamo il foglio a cui abbiamo segnato i cerchietti e andiamo a ricoprirli con il composto appena formato facendoci aiutare da una sac a poche. 
  • Lasciamo riposare i dischetti di composto per una quarantina di minuti prima di infornare a 160 gradi per circa 15 minuti e lasciamoli raffreddare prima di unirli tra di loro.

  • Preparazione della ganache di cioccolato e una punta di fragole: nel mentre i macarons si raffreddano possiamo preparare la crema che richiuderemo fra i due dischetti.
  • Laviamo accuratamente le fragole, togliendone la parte verde e andando a frullare in un mixer. Lasciamo da parte così da permettere all'aria di uscire da sola. 
  • Portiamo a ebollizione un pentolino con  la panna da cucina o da montare (a vostra scelta) aggiungendo una noce di burro.
  • Versiamo la panna da cucina con il burro in una ciotola di vetro dove abbiamo precedentemente spezzato la cioccolata al latte e amalgamiamo il tutto fino a quando quest'ultima non si è sciolta.
  • In ultimo aggiungiamo il frullato di fragole e lasciamo riposare per una oretta in frigorifero.


Macarons pronti! Ganache al cioccolato e poche fragole pronta! Assembliamo! Con l'ausilio della nostra amata sac a poche andiamo a farcire un dischetto nella parte liscia e chiudiamo con un altro dischetto. Procediamo fino alla fine dei macarons pronti e lasciamoli per alcune orette in frigorifero magari coperti con una pellicola o la stessa carta da forno utilizzata. 

Mi raccomando non abbiate timore di farcire: il composto deve uscire dalla meringa e non fate come me che per timore ne ho messo poco! E si vede! 


Macarons  con ganache di cioccolato e fragole
Macarons  con ganache di cioccolato e fragole 




A questo punto è d'obbligo una precisazione: potete lasciare che sia la vostra fantasia a prendere il sopravvento per questi dolcetti gustosamente francesi. La ricetta base è senza l'utilizzo del caffè latte che potete togliere e aggiungere qualche punta di colorante alimentare per renderli più colorati e allegri. 

Adesso che ho ben capito dove stavo sbagliando e come procedere nel formare i dischetti, posso dire che altre sfide mi aspettano! Quali? Vedrete nei prossimi mesi e intanto bon appetite! 


Sabrina (e Davide) 



Post popolari in questo blog

Tenerina di zucca e amaretti

Cascate del Bucamante: Un’oasi naturalistica sull'Appennino Modenese

Grotte del Caglieron: come arrivare, cosa visitare e dove mangiare