5 motivi per visitare l'Irlanda

La costa irlandese
5 motivi per visitare l'Irlanda 




Primo motivo per visitare l'Irlanda: affabilità e cortesia

Dublino - capitale della verde Irlanda- si posiziona al decimo ed ultimo posto nella tanto attesa classifica delle mete assolutamente da visitare nel 2018, stilata dal prestigioso National Geographic

A far da padrona è sicuramente l'aria che si respira tra le sue stradine che, la rendono una delle capitali più visitate d'Europa sia dai giovani viaggiatori che si perdono a chiacchierare in uno dei tantissimi pub, sia  da altrettante famiglie con bimbi al seguito, che rimangono affascinate dalla cortesia dei suoi abitanti. 
E la galanteria è il primo motivo per cui consigliamo di visitare questa isola situata a nord ovest della costa occidentale europea. 

Affabili, premurosi e galanti  appaiono gli irlandesi in ogni situazione soprattutto quando queste sono di tipo famigliare. Che decidiate di prenotare in questo periodo per festeggiare allegramente il S. Patrick's Day (il Santo Patrono di tutta l'isola) o nel corso dell'anno, un ottima sistemazione sono gli innumerevoli Bed and Breakfast a conduzione famigliare che si trovano sparsi ovunque sull'isola. 

Una esperienza low cost che permette non solo di risparmiare sul soggiorno ma soprattutto di avere l'opportunità di immergersi nella cultura e nella convivialità che questo popolo di origini antiche offre ai visitatori.

La parola d'ordine è  amicizia e questa può essere coronata davanti a una pinta di birra in uno dei tanti pub - gli irlandesi sono i massimi consumatori di questa bevanda oltre che produttori di eccellenze artigianali- oppure sorseggiando in pieno stile britannico, un thè con annessa fetta di torta calda nei piccoli locali che potrete trovare viaggiando lungo la costa. 




Il verde e l'azzurro




Secondo motivo per visitare l'Irlanda: il verde e l'azzurro


Chiamata l'isola di smeraldo o paese verde ha un estensione dedicata ai pascoli che copre la quasi totalità del territorio e non che altre zone di Europa siano da meno ma se amate le grandi distese di prato dal colore verde intenso o l'azzurro increspato del mare, sicuramente l'Irlanda è il posto giusto dove perdersi e sognare. 

Ovunque vi giriate il verde o l'azzurro, sono i padroni incontrastati nella scala dei colori e se l'occhio vuole la sua parte, ne sarete veramente entusiasti. 
Sia che decidiate di visitare questo paese per i suoi Castelli (se ne contano ben 340 - uno in più o uno in meno) oppure per i suoi siti archeologici, per i villaggi pittoreschi o per le moderne città sicuramente non rimarrete delusi dai colori che emanano pace e tranquillità. 

E di verde troviamo anche il simbolo non ufficiale di questa isola - il trifoglio o shamrock - che si narra abbia origini antichissime. Si racconta infatti che fu il missionario di origini scozzesi Patrizio, a renderlo suo malgrado, il simbolo di questo paese in quanto divenne esempio per spiegarne la dottrina della Trinità, grazie alla sua forma che lo vuole con tre foglie collegate ad unico stelo. 

Caratterizzata per tutto l'anno da piogge e da fastidiose nebbie, l'Irlanda ha un clima di tipo atlantico molto variabile a seconda delle regioni ma non fatevi prendere dallo sconforto per il suo clima capriccioso perchè questo fa parte del suo fascino. Attrezzarsi con una giacca a vento sempre nello zaino è un bellissimo modo per assistere alle meraviglie della natura e se siete fortunati potrete anche capitare sotto a un doppio arcobaleno. 
Evento non raro nel cielo di Irlanda. 










Terzo motivo per visitare l'Irlanda: la storia


Città moderne, castelli, villaggi pittoreschi, chiese gotiche, monumenti hanno ognuno a loro modo, una storia da raccontare. L'Irlanda ha un ottimo servizio auto stradale (a pagamento per alcuni tratti e gratuita per altri) oltre che una capillare rete ferroviaria e di autobus dove le informazioni sono chiare e precise. 

Il punto di partenza per un viaggio in Irlanda è per la maggior parte della volte da  Dublino, dove si trova il maggiore degli aeroporti e dove potrete affittare in caso anche una macchina per gli spostamenti. Dopo un primo momento di incertezza su quale parte della strada si deve prendere - in Irlanda si guida a destra - le indicazioni vi porteranno a spasso in una città ricca di antiche cattedrali, castelli e la possibilità di visitare la biblioteca più fotografata dagli amanti dei libri, che troverete all'interno del prestigioso Trinity College.

Seguire le orme dei celtici e dei vichinghi che abitarono l'isola tanti anni fa sarà veramente interessante e si snoda tra la città di Galway, i selvaggi paesaggi del Connemara o quelli lunari del Burren fino ad arrivare alle frastagliate scogliere a picco sul mare che ci permettono di scorgere le isole Aran. Stiamo parlando delle sensazionali Cliff of Moher che su una superficie di ben otto chilometri fanno da sfondo a un panorama mozzafiato e che non consigliamo a chi soffre le grandi altezze.

Se viaggiate con i bambini non potete mancare di visitare il parco naturale di Killarney che con la sua area di 10 mila ettari di territorio lacustre e montano ci fa scoprire le meraviglie della contea del Kerry. All'interno del parco naturale oltre a un antico castello e alla residenza estiva dei reali inglesi, potrete affittare un calesse trainato dai cavalli per assaporare la storia in tutte le sue sfumature. 

E da Killarney parte la strada panoramica più famosa del mondo, la quale costeggia la penisola di Iveragh con un percorso circolare di ben 180 km a picco sulla costa e dove si può sostare in paesini di poche anime dove potrete trovare sempre un pub ad accogliervi. Conosciuta in tutto il mondo le Rings of Kerry sono una avventura nella natura più strabiliante di Irlanda ma attenzione agli incontri per strada. Non è insolito trovarsi davanti una pecora o una mucca che allegramente passeggiano in strada o a intenti a bruciare l'erba sul ciglio a picco sul mare. E se non amate le troppo affollate zone turistiche, questa regione offre un passo di montagna, una baita isolata o un sentiero inesplorato. 

La mancanza di influenza esterna sulla cultura irlandese ci permette di visitare i castelli e le residenze storiche con un occhio sul patrimonio celtico praticamente intatto. Se amate perdervi nella storia celtica, gaelica e vichinga questo paese ha in sèuna ricchezza storica unica e molto affascinante trovando in una delle innumerevoli contee, quello che fa per voi e i vostri gusti da viaggiatori. 







           

                    Quarto motivo per visitare l'Irlanda: keep calm and Enjoy!


Se siete tipi frenetici e sempre in movimento l'Irlanda non fa per voi. Gli irlandesi sono un popolo cordiale, garbato molto simile ai cavalieri d'altri tempi ma sono anche persone pacate che con la loro ironia sottile, riescono a mettervi a vostro agio anche nelle situazioni più disparate.

Sull'isola verde potete andare a cavallo, in bicicletta, fare trekking, navigare verso gli solotti più remoti e selvaggi con sgangherati battelli, pescare nell'oceano, osservare gli uccelli rari o rimanere a bocca aperta per una aurora boreale ma tutte queste attività seguono il tempo rallentato dell'isola. 
E se in un primo momento vi pare una cosa impossibile solo a pensarci, figuriamoci a seguirne le tempistiche ma vedrete che le giornate al rallentatore saranno un momento da assaporare momento dopo momento. 

Il primo step da affrontare per vivere con calma e tranquillità la giornata irlandese è sicuramente la colazione: ricca di energia e piena di grassi che aiuteranno a caricare le batterie fino a sera. Una colazione che va assolutamente assaporata con lentezza sia nella preparazione che nella consumazione con un radio di sottofondo che emette tutto tranne musica. 

In Irlanda vige la legge non scritta di lentezza e del pacato atteggiamento anche alla guida di automobili e di autobus: non abbiate fretta di scattare con il rosso o correre per salire sul bus. Vedrete che nessuno vi suonerà dietro o vi farà fretta. E insieme alla calma, un sorriso e un simpatico saluto - enjoy - renderà la vostra giornata assolutamente fantastica! 





Irlanda a tavola



 Quinto motivo per visitare l'Irlanda: la cucina irlandese


L'influenza di altre culture e di cucine di tutto il mondo è arrivata anche sull'isola, la quale non è esente a tutto questo soprattutto nelle grandi città ma per andare alla ricerca della vera tradizione eno gastronomica di Irlanda, moltissimi sono i ristoranti e i pub che offrono alla loro clientela pietanze di altri tempi. 
Non dimentichiamoci che questo paese molto vicino alla Gran Bretagna, ha uno stampo anglosassone molto forte che si può osservare nel suo ritmo di vita. Infatti la colazione e la cena sono i pasti principali e più ricchi di ingredienti mentre il pranzo è relegato a volte a un semplice spuntino come può essere un sandwich. 
I locali aperti anche nelle ore di pranzo offrono un menù più scarno e  seconda delle zone a prezzo fisso per il turista di passaggio. 

Per scoprire la vera cucina irlandese i mercati rionali sono quelli che offrono moltissimo per trovare un segno del passato: grandi città come Dublino, Cork (conosciuto come il vero Old English Market), Galwey (mercato del pesce dove troverete le famose ostriche) ma anche le cittadine più piccole e sperdute offrono ai visitatori, realtà più intime e legate alla tradizione casalinga dell'isola. 

Ovunque sceglierete di sostare per riempire la pancia, troverete una soap (zuppa) ad aspettarvi. Servita con fette di pane con una particolare tipologia di pane e del burro da spalmarci sopra, sarà una esperienza di gusto da provare assolutamente prima di tuffarsi su qualsiasi piatto a base di carne. 

Manzo, agnello e maiale sono le tipologie di carne che potrete trovare in qualsiasi ristorante o pub dell'isola e se amate il pesce o il pollo la tradizione della cucina irlandese non è da meno. 

Un classico dei classici se la fame si fa sentire è il fish and chips ovvero un fritto di pesce bianco accompagnato da croccanti patate fritte e salse di piselli o di patate mentre la più ricca torta di mele calda servita con panna montata, sono il dolce che completa il pasto. 

E per finire non dimenticatevi che siamo nella patria della birra e che la Guinness viene fabbricata proprio qui - a Dublino e la potrete assaggiare in tutti i pub o direttamente presso la fabbrica dopo aver condiviso un percorso didattico su come viene prodotta. Una vera esperienza del gusto! 


Siamo giunti alla fine di questo post dove avrei voluto raccontarvi tanto ma tanto ancora di questa isola a cui abbiamo lasciato il nostro cuore e che speriamo di tornare a breve. L' Irlanda ha questo piccolo vizio: non stanca mai! 





Da Sabrina e da Davide un sentito enjoy! 








Post popolari in questo blog

Tenerina di zucca e amaretti

Oltre la Colomba Pasquale: Focaccia Carta Verde - Fraccaro Spumadoro

Grotte del Caglieron: come arrivare, cosa visitare e dove mangiare