Friselle con dadolata di pomodori ed uovo occhio di bue

Frise o friselle è il loro nome. Voglia di provare da tempo, è una mia ossessione. 

Non ho mai avuto modo di provare sul posto ed esattamente in Puglia ma ne ho sempre sentito parlare tantissimo e allora proviamo a cercarle in qualche negozio tipico che ha appena aperto in città e vediamo come si presentano e come possiamo utilizzarli. 

E questa è la mia idea : friselle con dadolata di pomodori ed uovo occhio di bue .


uovo-occhio-bue
Friselle con dadolata di pomodori ed uovo occhio di bue 

Pomodori-Uovo
Friselle con dadolata di pomodori ed uovo occhio di bue 



Friselle con dadolata di pomodori ed uovo occhio di bue : la ricetta

  • Ingredienti: una frisella o frisa testa, 4/5 pomodori da insalata, 1 uovo a testa, un bicchiere di acqua, olio extravergine di oliva, sale pepe e erba cipollina tagliata fine fine q.b. . Aglio e cipolla in polvere q.b. 

  • Preparazione: lavate accuratamente il pomodoro e tagliate a dadini piccoli, salate e oliate con un pizzico di aglio e uno di cipolla in polvere. Lasciate riposare per una mezzoretta in frigo. Nel frattempo preparate le uova all'occhio di bue spennellando un padellino antiaderente di olio Evo e aprendo l'uovo al centro, lasciate cuocere per alcuni minuti senza toccarne il centro. Aggiungete un pizzico di sale e aiutandovi con un cucchiaio portate al centro dell'uovo l'olio evo che lentamente sta friggendo. Spegnete e lasciate raffreddare per pochi minuti. 
  • Le friselle o frise hanno bisogno di essere ammorbidite prima di mangiarle e in un piatto vuotate il bicchiere di acqua aggiungendo un goccio di olio evo e le friselle che andranno in ammollo per pochissimi minuti. Riponetele su un piatto dopo averle sgoccialate e aggiungete per ogni frisella un paio di cucchiai di dadolata di pomodoro insieme al sughino che si è formato e un uovo con una spolverata di pee e di erba cipollina. 


Maggiore è il tempo che gli ingredienti rimangono sulla frisella, maggiore è la sua morbidezza ma soprattutto il fondersi di sapori che lasciano un piacevole sapore in bocca. Questa tipologia di pane tipico pugliese può essere presentato in tantissimi modi e a sentire i miei amici della zona, la fantasia è veramente messa alla prova. Creatività !  


Alla prossima viaggiatori 


Sabrina and the family 

Post popolari in questo blog

Tenerina di zucca e amaretti

Cascate del Bucamante: Un’oasi naturalistica sull'Appennino Modenese

Grotte del Caglieron: come arrivare, cosa visitare e dove mangiare