Ben arrivato autunno! Ricetta dello sformato di zucca

Oggi - 23 settembre - entriamo ufficialmente in una delle quattro stagioni che amo particolarmente: l'autunno. L'aria carica di odori e sapori lontani, le giornate velate, la temperatura che si abbassa e le foglie degli alberi che cadendo cambiano colore ma soprattutto i suoi frutti e le sue verdure che ci danno la carica per affrontare il freddo inverno. Adoro l'autunno! La zucca, le pere o l'uva per citarne alcuni sono ingredienti che trovano nella mia cucina e nella tradizione della mia città, alleati a piatti gustosi e ricchi di sapori. E anche se la voglia di autunno è arrivata un paio di giorni prima con questo sformato di zucca che vi sto per presentare, è stata accolta positivamente da tutta la famiglia con una cena veloce e sostanziosa. 



Ingredienti per 6 persone: 300 g di polpa di zucca a dadini, 2 uova, 1/2 litro di besciamella, 50 g di fontina e/o formaggio che si scioglie, pangrattato, burro, sale e pepe. 

Accessori da utilizzare: stampo , placca da forno, carta da forno

Tempo: 15 minuti di preparazione e 35 minuti di cottura


Preparazione: tagliare a dadini la zucca e metterla al forno in un placca con un foglio di carta da forno e lasciar cuocere fino a quando non si ammorbidisce. La cottura della zucca è essenziale prepararla il giorno prima e una volta cotta, raffreddata per togliere l'acqua in eccesso si può contenere in un scolapiatti premendo sulla zucca con un piatto. Una volta che la zucca è pronta e raffreddata, frullatela. 
Preriscaldare il forno a 190°. Imburrare una teglia - a scelta quale forma - e cospargerla di pangrattato. Preparare la besciamella, aggiungere a fine cottura il formaggio e la zucca frullata, salare leggermente e incorporate un uovo alla volta stando attenti a non cuocerlo. Mescolare e versare il composto nello stampo, cuocendo lo sformato di zucca per una trentina di minuti. Servire con una spolverata di pepe. 








Commenti

Post popolari in questo blog

Un viaggio al centro delle Alpi: il Forte di Bard

Parco Nazionale del Gran Paradiso: Cogne e le cascate di Lillaz

Tenerina di zucca e amaretti