Primi piatti: l'amatriciana a modo mio


Dal giorno in cui ho scritto questa ricetta ad oggi - 14 febbraio dell'anno duemilaediciotto - di ricette ne sono passate tante nella mia cucina e sicuramente gli spaghetti con un sughetto all'amatriciana ne avrò fatte a centinaia, se non a migliaia. 

A questo punto vi domanderete perchè metto mano a una ricetta di tre anni fa e lascio la data di pubblicazione della prima volta che l'ho presentata. Avete assolutamente  ragione a farmi questa domanda ed è vero che gli anni passano, si modificano i gusti e si creano sempre nuovi abbinamenti ma si creano anche nuovi algoritmi dei motori di ricerca che ci portano a rivedere tutto il nostro lavoro passato. E per non cadere nel dimenticatoio che la rete offre, si rifanno ricette, si modificano foto rendendole più attraenti e si cerca di invogliare il lettore a seguirci.

Ed ecco che al posto degli spaghetti di grano duro di Grano Armando siamo passati a una tipologia di pasta totalmente diversa e lo abbiamo fatto insieme alla azienda stessa che nel frattempo ha cambiato anche il nome del proprio brand, ed ha aumentato l'offerta dei loro prodotti. 

Ed oggi in questa giornata in cui si festeggia San Valentino, vi rinnovo la ricetta dell'amatriciana a modo mio e lo faccio aggiungendo la linguina ai legumi di Pasta Armando. 

Sette minuti di cottura per una linguina con farina di piselli, ceci, fagioli, lenticchie che si sposa molto bene con il guanciale e la passata di pomodoro che ne compongono il sugo più conosciuto nel mondo. 


E ora diamo spazio all'amatriciana a modo mio !

Amatriciana a modo mio
Primi piatti: l'amatriciana a modo mio


La Linguina ai legumi con 
sugo all'amatriciana :
la ricetta



  • Ingredienti per 2 persone : 2 etti e mezzo di La linguina ai legumi Pasta Armando, 200 g di passata di pomodoro, 80 g di guanciale o pancetta affumicata, 1 scalogno, 1 carota, 1/2 bicchiere di vino bianco, 2 peperoncini rossi, 70 g di pecorino romano, sale e olio Evo q.b.

  • Procedimento: in una padella antiaderente fate soffriggere lo scalogno e la carota precedentemente tagliate a cubetti piccoli insieme a un filo di olio di oliva extravergine. Aggiungete il peperoncino rosso praticandone un piccolo taglietto su un lato.
  • Rosolate il trito e aggiungete il guanciale tagliato a cubetti andando a sfumare con il vino bianco.
  • Aggiungete la passata di pomodoro con un pizzico di sale e lasciate cuocere a fuoco basso per circa 30/40 minuti girando ogni tanto con un mestolo di legno. 
  • Portate a ebollizione l'acqua per cuocere La Linguina che ha bisogno di una cottura di circa 7 minuti e una volta scolata dall'acqua di cottura andate a saltarla con il sugo all'amatriciana e una spolverata di pecorino romano.



Siamo giunti alla conclusione di questa piccola modifica e come sempre un ringraziamento lo rivolgo a voi tutti che passate di qua e che lasciate un segno del vostro interessamento. Un ringraziamento speciale lo voglio rivolgere anche a Pasta Armando che in questi anni mi è stata amica, consigliera e compagna di avventura oltre che darmi quella fiducia per andare avanti nella costruzione di un sogno. 

Sabrina e tutto lo staff di I viaggi di Ciopilla 

Commenti

Post popolari in questo blog

Un viaggio al centro delle Alpi: il Forte di Bard

Parco Nazionale del Gran Paradiso: Cogne e le cascate di Lillaz

Tenerina di zucca e amaretti