Le Vallette di Ostellato: un oasi naturale da scoprire

I bambini e i dinosauri. Un connubio perfetto da sempre dove la storia di un periodo molto lontano da noi, si mischia al fascino enormi bestioni dai nomi alquanto strani e impronunciabili. 

Complice una bellissima giornata nonostante le previsioni prevedessero il contrario, abbiamo diretto la macchina verso il mare ed esattamente tra le magnifiche Vallette di Ostellato per assistere a una particolare mostra dedicata ai giganti estinti. 

Le Vallette di Ostellato sono una oasi naturale che si estendono per circa 10 km e che rappresentano un ambiente adatto alla nidificazione di numerose specie di uccelli, soprattutto acquatici.
Fanno parte del più esteso Parco Regionale del Delta del Po inoltre grazie aduna Convenzione Internazionale è considerata Zona a Protezione Speciale. 


Quattro sono le sue anse vallive principalmente formate da una zona umida con una tipologia di acqua prevalentemente dolce, con una quantità di specie animali unici nel loro genere. Si può avere la fortuna di incontrare un airone (il cenerino è quello che maggiormente notiamo lungo la strada ma ci sono anche le tipologie come il bianco maggiore e il rosso), di incontrare il trampoliere ed è ottima quindi come zona dove poter svolgere attività come il birdwatching ma anche passeggiate a piedi, bicicletta o semplicemente rilassarsi con la pesca sportiva. 

All'ingresso delle Oasi è presente anche un osservatorio astronomico con innumerevoli attività serali e un gruppo di appassionati che fanno sognare ad occhi aperti sul cielo stellato e libero dall'inquinamento della vallette. 


All'ingresso delle Vallette possiamo usufruire di un un parcheggio gratuito permette di sostare prima di accedere alla zona naturalistica dove un ristorante, un punto di ristoro sono gli unici modelli abitativi che troviamo in tutta l'area. 

Oppure entrare con la macchina, la moto e il camper. Tutto il percorso è percorribile a piedi o in bicicletta ma per la maggior parte delle volte è sotto il sole quindi se decidete di passare una giornata in mezzo alla natura, un cappellino in testa è ottimo per non prendersi una insolazione. 

Da alcuni inoltre è possibile anche rinfrescarsi durante il periodo estivo nella piscina comunale ma prima di decidere di tuffarvi vi consigliamo un occhio al sito di Terra e Acqua dove avrete le informazioni per le aperture. 

Noi alla fine siamo arrivati fino a qui per visitare la mostra sui Dinosauri e tra pace, tranquillità siamo riusciti a trascorrere una giornata veramente belle e in armonia con la natura. Se volete il silenzio sicuramente le Vallette di Ostellato fanno al caso vostro. Una mostra itinerante che al momento in cui aggiorno il post (aprile 2018) non è più presente in oasi ma sicuramente rimane un ottimo momento per far scoprire la storia dei giganti ai bambini. 



Un oasi naturale da scoprire
Le Vallette di Ostellato: un oasi naturale da scoprire 


E ora un paio di informazioni circa l'ingresso alle Vallette di Ostellato che hanno un costo oltre che degli orari per accedervi. Infatti l'apertura è prevista per il 30 marzo 2018 (dati aggiornati ad aprile) con la possibilità di entrare dalle 7 alle 18 tutti i giorni, festivi compresi ad esclusione del lunedì nei periodi di bassa stagione e fino alle 19 nei periodi più caldi come giugno, luglio e agosto. Attenzione è possibile entrare fino ad un ora prima della chiusura dei cancelli ! 


  • Ingresso in oasi per auto, camper e veicoli a motore è fissato a 5 euro da aggiungere 2 euro per ogni passeggero a bordo;
  • Ingresso a piedi o con bicicletta di proprietà è di 2 euro 
  • I residenti del Comu/ne di Ostellato e i bambini al di sotto del metro di altezza non pagano l'entrata. 
  • Per pescare è necessaria tessera FipSas Amica (si può sottoscrivere sul posto).

Per qualsiasi altra informazione potete consultare il sito di Atlantide che è il gestore dell'area e delle sue attività in loco: http://www.atlantide.net 


E con questo è tutto e come sempre speriamo che il nostro consiglio di viaggio sia stato di vostro gradimento. 

Sabrina e Davide 






Il post è stato modificato in data 19/04/2018 con orari, prezzi e ovviamente senza la presenza della mostra che non è più presente in loco. 

Commenti

Post popolari in questo blog

Un viaggio al centro delle Alpi: il Forte di Bard

Parco Nazionale del Gran Paradiso: Cogne e le cascate di Lillaz

Tenerina di zucca e amaretti