Un dissetante succo di frutta

Quando ero in attesa della piccola Ciopi, avendo già avuto un maschio, ero contentissima di sapere dalla ecografia che ne determinava il sesso, che lei fosse una femminuccia. 
Ero contenta perchè finalmente avrei comprato dei vestiti da bambina - assolutamente era scartato il rosa  - di pensare a lei come una ballerina sulle punte e di passare le serate a pettinarci o a truccarci. 

La mia felicità mista a quel pizzico di soddisfazione infantile, nell'avere una figura similare con cui passare il resto dell'esistenza dove i pensieri sono in comune e anche le preoccupazioni con la stessa intensità che ne fa il genere femminile - diverso da quello maschile - si è infranta nel giro di pochi istanti. 

Il momento in cui mia figlia, carne della mia carne, sangue del mio sangue, è salita su una moto ed ha incominciato a piegare come Valentino Rossi in gara tutto è svanito insieme alle scarpette da danza che già le vedevo indossate sul monito dell'eco.
E come cantavano i Litfiba ma la speranza è l'ultima a morire, chi visse sperando morir non si può dire per un annetto ho lasciato sopita quella fiammella di speranza ma sabato davanti a un pallone da calcio e al campo dove si allenava suo fratello, si è spenta del tutto. 

Benissimo! Mi metto il cuore in pace e mi dedicherò a qualsiasi scelta lei abbia deciso di intraprendere - in fin dei conti ha due anni e mezzo posso sempre recuperare - e per il momento la lascio in pace a giocare a calcio ma almeno lo facesse con il giusto sostegno nutrizionale. E per farlo ho deciso di predisporre una merenda che l'aiutasse a recuperare nelle giornate di caldo, quel apporto di zuccheri che si perde correndo e giocando. Nel suo zainetto ho inserito un succo di frutta che ha trovato il suo consenso e il nostro di genitori ed esattamente ho voluto farle provare il San Fruit di Sant'Anna.



Le proprietà dell'acqua conosciuta in tutto il mondo, unita alla selezione di frutta certificata ha dato il via ad un nuovo prodotto. Conosciamo tutti bene o male il più conosciuto SanThè e di cui abbiamo avuto modo di provare in anteprima proprio qui sul blog. 
Il target a cui si rivolge  l'azienda con questo prodotto è ovviamente quello dei bambini e dei ragazzi ma devo dire che ha incontrato anche il parere positivo di molti genitori sia per il comodo packing,  sia per il suo gusto cosi naturale. 

Come potete ben vedere Ciopi ha gustato appieno il senso di questi succhi di frutta firmati Sant'Anna e in un momento di pausa, ha lasciato il pallone per dedicarsi un momento di tranquillità con il suo SanFruit



Un succo di frutta durante la pausa
Un dissetante succo di frutta 




Ringraziando l'azienda Fonti di Vinadio per questa nuova conoscenza
Funky Giraffe 

per la maglietta e il simpatico fazzoletto 

al collo della piccola Ciopi! 














N.B. Post sponsorizzato con scambio di prodotto per una recensione sincera e personale.
N.B. Il post è stato modificato in data novembre  


Commenti

Post popolari in questo blog

Tenerina di zucca e amaretti

Un viaggio al centro delle Alpi: il Forte di Bard

Parco Nazionale del Gran Paradiso: Cogne e le cascate di Lillaz