Il mio primo contest culinario


La mia città natale è Ferrara. Città di duchi, papi e letterati. Una città di complotti e di grande battaglie ideologiche tra un ducato e un papato, tra un re francese e un duca pieno di pensieri. Una città che è stata centro culturale e culinario di un mondo medioevale che ancora oggi, è presente nella sua cucina. E con un prodotto tipico ferrarese di altri tempi partecipo al mio primo contest culinario 


E con una ricetta come il pasticcio ferrarese racconterò con il gusto e i sapori di carne, pasta e frolla come un piatto nobile nato per un avvenimento importante come la presenza di una Legazione pontificia all'inizio del 700, sia nato un piatto che è rimasto in noi trasformandosi anno per anno fino alla versione dei giorni nostri. 




Ingredienti:
Sugo alla ferrarese
150 gr. di polpa di vitello tritata,
150 gr di polpa di manzo tritata,
150 gr di petto di pollo tritato,
mezzo bicchiere di vino bianco secco
sedano, cipolle carota tritati,
sale q.b
olio di oliva

Besciamella
mezzo litro di latte,
1 cucchiaio di farina,
una noce di burro,
un po' di noce moscata,
sale q.b

Pasta frolla
450 gr di farina
180/200 gr. dr burro
100 gr. di zucchero
4 tuorli d'uovo
sale q.b.

Pasticcio alla ferrarese
50 grr parmiggiano
Scaglie di tartufo
1 uovo


Preparazione

Preparare la pasta frolla lasciandola riposare mentre si prepara in ordine il ragù e successivamente la besciamella. Cuore la pasta (in questo caso la scelta sono i conchiglioni) togliendoli dalla cottura un paio di minuti prima. Lasciare raffreddare il tutto e successivamente aggiungere nei conchiglioni besciamella, ragù, parmiggiano e scaglie di tartufo amalgando il tutto come se si stesse effettivamente pasticciando con gli alimenti.
Stendere la pasta frolla a disco su una teglia precedentemente imburrata, inserire il composto di conchiglioni e ricoprire con un altro strato di pasta frolla. Spennellare la calotta con il rosso dell'uovo. Infornare e a doratura servire caldo.




Ed eccola qui sfornata nella sua forma più dorata e pronta per essere mangiata assaggiata con gusto




E per chi ha voglia di dare un occhiata al sito della cascina San Cassiano vi lascio volentieri il loro sito http://www.cascinasancassiano.com/products.html


Commenti

  1. Mi sono appena mangiata una bella pizza, ma ti giuro che con questa ricetta che hai preparato per il contest, non mi tiro indietro...hai creato un piatto a cui e' impossibile resistere, cara Sabry.

    RispondiElimina
  2. Ma che bella questa ricetta che hai preparato per il contest !! la foto parla da sola !! complimenti , mi hai fatto venire una fame , con un piatto cosi' chi riesce a resistere ? brava Sabrina come sempre !!!

    RispondiElimina
  3. non ho mai assaggiato questo pasticcio alla ferrarese.
    Complimenti per la tua ricetta, che languorino che mi hai fatto venire!!!

    RispondiElimina
  4. Ma che spettacolo questo pasticcio!!! ho appena finito di cenare ma ti giuro che un pezzetto me lo mangerei molto voleniieri..deve essere buonissimo e anche tanto gustoso e poi con i prodotti di Cascina San Cassiano ancora di piu'..tanti complimenti Sabry e in bocca al lupo per il contest!!!

    RispondiElimina
  5. Ferrara è una città che mi a semrpe affascinato e credo che quanto prima la verrò a visitare..poi vabbè per il tuo pasticcio non c'è che dire..l'aspetto è favoloso e il gusto davvero prelibato...bravissima e mi hai fatto venire l'acquolina in bocca leggendo tutti i passaggi della ricetta!!!

    RispondiElimina
  6. Fantastica ricetta sicuramente ottima...eccezionale la cultura e la tradizione della cucina Italiana che è particolare e unica in ogni città e paese....in bocca al lupo per il contest !!!

    RispondiElimina
  7. Vivi in una città che ho visitato una sola volta e di sfuggita, ma mi ha affascinata da morire, e adesso che ho scoperto di questa prelibatezza tipica ho un motivo in più per ritornarci quanto prima! Credo proprio che tu abbia la vittoria in tasca ;) un bacio! E in bocca al lupooooo

    RispondiElimina
  8. che meraviglia di piatto, molto gustoso ed invitante. Ferrara l'ho visitata anni anni fa con i miei genitori e ricordo i "cornetti", il pane locale :D e i colori della città

    RispondiElimina
  9. questa tua ricetta è proprio deliziosa, complimenti mi è venuta una gran fame!

    RispondiElimina
  10. ricetta veramente molto interessante grazie dei consigli e auguri per il contest

    RispondiElimina
  11. Ferrara è una città davvero stupenda e tu con questo fantastico pasticcio l'hai davvero onorata. Una ricetta che proverò ad imitare, nonostante sia più probabile che io finisca per combinare un vero pasticcio :)

    RispondiElimina
  12. mi sono messa a dieta ioooo!! che fame!!!

    RispondiElimina
  13. deve essere buonissima questa torta rustica farcita con così tante cose buone e gustose, la proverò, in bocca al lupo per il contest

    RispondiElimina
  14. mia mamma fa spesso i conchiglioni ripieni e sono una vera delizia. Acquisteremo presto anche noi questi Cascina San Cassiano :)

    RispondiElimina
  15. Non siamo mai state a Ferrara, sarà sicuramente una città fantastica come il tuo Pasticcio =D

    RispondiElimina
  16. ma che bontà non l'ho mai assaggiato, ma te lo copio per provarlo, complimenti e in bocca al lupo per il contest

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Un viaggio al centro delle Alpi: il Forte di Bard

Parco Nazionale del Gran Paradiso: Cogne e le cascate di Lillaz

Tenerina di zucca e amaretti