Santo Stefano e gli avanzi


Il giorno di Santo Stefano è per tradizione il giorno degli avanzi del Natale: lasagne, cotechini con purè, antipasti stanti e oramai privi di farcitura, e cosi via. Il giorno dopo Natale quando il tuo stomaco chiede solo un canarino caldo, apri il frigo e ti ritrovi scatoline e contenitori pieni di avanzi che ti guardano e ti chiedono urlanti di consumarli. La tradizione vuole che passi a salutare quei parenti che il giorno prima non hai potuto incontrare e allora parte il trucco più vecchio del mondo: il riciclo. Nel giro di pochi minuti riesci a creare con gli avanzi un prelibato piattino di leccornie da portare alla zia tirchia che da quarant'anni dice "c'è crisi! il regalo te lo faccio coi tempi migliori" o alla cugina che non sopporti ma ti tocca salutarla che ti apre la porta con il suo sorriso a quaranta denti solo perchè negli ultimi mesi va a letto con il dentista. Ed ecco che con lasagne verdi e panettone stantio ti esce il migliore dei tuoi piatti super riciclati. 

Post popolari in questo blog

Tenerina di zucca e amaretti

Tenerina al cioccolato fondente: ricetta ferrarese

Oltre la Colomba Pasquale: Focaccia Carta Verde - Fraccaro Spumadoro