Zucca : storia, proprietà e cottura al forno | I viaggi di Ciopilla I viaggi di Ciopilla - Food and Travel blog

lunedì 18 settembre 2017

Zucca : storia, proprietà e cottura al forno

Settembre. Periodo di innumerevoli sagre e di meravigliosi regali che la natura ci offre in questo mese così altalenante di temperature che ci porteranno verso l'autunno dai colori tenui. E ben 23 sono le verdure di stagione tra cui il fagiolino, il fagiolo, la lattuga o la melanzana ma anche il peperone, il sedano, ravanello e infine la mia preferita: la zucca

Eh si! la zucca che nella tradizione della mia città - Ferrara - è una delle verdure più utilizzate quando pensiamo al piatto più gustoso ovvero i caplaz o semplicemente in italiano denominati i cappellacci. Una sfoglia sottile con un ripieno di morbida polpa di zucca cotta al forno che mescolata con il parmigiano reggiano, le uova, un pizzico di sale e uno di noce moscata, prendono la forma del cappello di paglia dei contadini. Una ricetta che possiamo trovare nei ricettari rinascimentali che fanno capo alla famiglia d'Este, Signori di Ferrara. 

La zucca che mediamente usiamo per questa e tantissime altre ricette gustose, è solitamente la violina, che si differenzia dalle altre per la forma allungata molto simile a uno strumento musicale da cui prende il nome e che è adatta per la cottura al forno in quanto la buccia rimane solida mentre la polpa si ammorbidisce al suo interno. 

Zucca cotta al forno con il rosmarino
Zucca cotta al forno con il rosmarino



Leggendo in giro per la rete, scopro che oltre ad essere un elemento ottimo per quasi tutte le pietanze dolci e salate, la zucca ha delle proprietà non male per essere considerata a volte una verdura di serie B. E' ricca di betacarotone offrendo cosi al nostro corpo una giusta quantità di vitamina A e inoltre è ottimale per assumere sali minerali come il ferro, calcio, selenio, fosforo, magnesio, potassio, sodio e manganese. Un ottimo alleato (aggiungo io quando è cotta al forno soprattutto) è la sua proprietà di ricchezza di fibre.

Il già nominato betacarotone protegge il sistema circolatorio, è un ottimo anti infiammatorio e per chi ama avere una pelle liscia e senza i segni del tempo anche un ottimo anti ossidante. Se aggiungiamo le proprietà diuretiche e lassative (la famosa cottura al forno) direi che la zucca è un ottimo alleato per la nostra salute e non solo un ingrediente gustoso adatto alle nostre ricette stagionali. 

A questo punto e dopo esserci fatti una cultura su questa meravigliosa creatura della terra, vi racconto in poche parole come preparo la zucca al forno e come la conservo per tutto l'inverno. Abbiamo due modi per poter utilizzarla lasciandola in un luogo asciutto e al buio fino al suo utilizzo per quasi tutto l'inverno - si dice e si narra che si possa utilizzarla almeno fino al periodo legato al Carnevale - oppure cuocendola al forno e lasciata in freezer in piccole porzioni che possiamo utilizzare al momento del bisogno.

Sinceramente io preferisco quest'ultima opzione e dopo averla tagliata in quattro parti, riposta sulla placca da forno con un foglio di carta apposita e uno di stagnola, la cuocio al massimo della potenza del forno (sui 280 gradi) sia sopra che sotto fino a quando non si "sbrucciacchia" (che italiano!) ai bordi e parte della crosta. Non aggiungo nient'altro se non un rametto di rosmarino affianco e non tolgo subito i semi che si tosteranno insieme alla polpa. 

Lascio raffreddare e con un cucchiaio tolgo la polpa dai semi e la colloco in alcune vaschette di plastica adatte al freezer. Semplice e veloce ma soprattutto pratica come soluzione per creare risotti, ripieni di tortelli o cappellacci oppure per creare pasta o pane al sapore di zucca. Senza dimenticare la versione più dolce della tenerina ferrarese che al posto del cacao vede la presenza di questo dolcissimo ingrediente. 

E voi come la preparate la zucca ? E soprattutto come la cuocete e la cuocete oppure la lasciate integra?


Alla prossima con tantissime altre domande e ricette 

Sabrina