Lasagne in bianco con ragù di carne, pancetta e salsiccia | I viaggi di Ciopilla I viaggi di Ciopilla - Food and Travel blog

mercoledì 7 dicembre 2016

Lasagne in bianco con ragù di carne, pancetta e salsiccia


Lasagne in bianco con ragù di carne, pancetta e salsiccia






Lasagne in bianco con ragù di carne, pancetta e salsiccia è la ricetta della rivincita perchè rrmai sono due mesi che sto a dieta. Riesco a sopperire alla mancanza della cioccolata e alla mancanza di altri ingredienti tra cui la frutta come pere, ananas oppure la mancanza di tipologie di verdure come i cappuccio ma quando si tratta di condire la pasta o un altra pietanza senza il pomodoro sono molto in crisi. Sono pomodoro dipendente e lo metto sempre - ovviamente non nei dolci - e la sua mancanza si sta facendo sentire soprattutto nel periodo sotto Natale quando sfornare lasagne su lasagne è ormai un lavoro a tempo pieno. E allora proviamo a creare una lasagna in bianco senza pomodoro che possa essere gustosa e adatta per la mia allergia. Vediamo come partendo dagli ingredienti e procedendo con la sua preparazione: 


  • Ingredienti: quattro strati di pasta fatta in casa 1 uovo per 100 g di farina 0(segue procedimento), 500 ml di besciamella molto liquida ( 500 ml di latte, 50 g di burro, 50 g di farina, 1 pizzico di sale segue procedimento) , ragù in bianco con 250 g di carne macinata , 3 fette di pancetta dolce tagliata a macchina, 1 salsiccia di pollo, 2 scalogni, 1 aglio (segue procedimento) sale e pepe q.b. Olio extravergine di oliva q.b. e parmigiano reggiano grattugiato q.b. 

  • Procedimento: iniziamo a preparare il ragù di carne facendo soffriggere in un goccio di olio Evo gli scalogni e l'aglio aggiungendo la carne macinata, la salsiccia dopo averle tolto la pelle e sgranata. Aggiungete solo dopo aver leggermente soffritto la carne e la salsiccia insieme allo scalogno, la pancetta tagliata a dadini piccoli. Lasciate cuocere a fuoco basso per circa 40 minuti e salate solo alla fine. 
  • Procediamo con la besciamella: in un pentolino antiaderente sciogliete il burro utilizzando una fiamma bassa. Spegnete e aggiungete lentamente la farina mescolando energicamente in maniera tale che non si formino grumi. La tecnica è quella di non utilizzare fruste ma un cucchiaio di legno. Aggiungete il latte continuando a mescolare e mettete sul fuoco dopo aver salato leggermente. A fuoco medio continuare a mescolare fino a quando non si è addensato il composto. Spegnete e coprite con un coperchio.
  • Procediamo con la pasta fresca: disponete su un tagliere di legno la farina a fontana e aggiungete l'uovo direttamente al centro, incominciano a impastare fino a quando il composto non viene omogeneo e liscio. A seconda della forza delle braccia potete scegliere se tirare la pasta a mano o con la apposita macchina (nonna papera tutta la vita!) e create quattro strati di pasta della stessa grandezza della teglia che volete utilizzare. Lasciate riposare per una decina di minuti dopo aver infarinato il tagliere di legno e la superficie della pasta. Essendoci la besciamella che amalgamerà la pasta non vi è bisogno di un riposo maggiore. 
  • Procediamo con la composizione della lasagna: utilizzando una teglia da forno procedete con uno strato di besciamella e uno strato di pasta. Uno strato di besciamella e uno strato di ragù fino al completamento di ogni ingrediente necessario. Finite lo strato di lasagne con uno di ragù che andrete a spolverare di parmigiano grattugiato. 
Al forno pre riscaldato sui 180° per circa 40 minuti. In caso il vostro forno tendi a seccare la pasta troppo velocemente oltre abbassare la temperatura potete aggiungere un goccio di latte ai quattro lati della pirofila usata. Un trucco che tenderà ad ammorbidire la pasta che si è seccata troppo per l'alta temperatura. 


Servire ancora calde e con un ottimo bicchiere di vino! La ricetta che vi propongo oggi è una ricetta totalmente nichel free ma con una considerazione: sia la pancetta che la salsiccia devono essere prodotti artigianali e non industriali. Questo per evitare che si utilizzano conservanti che non sono in linea con il nostro modo di assumere ingredienti. Per il resto via alla fantasia!

Alla prossima viaggiatori e buon appetito 


Sabrina 



Posta un commento