Tartellette aromatizzate ai lamponi alla crema di agrumi | I viaggi di Ciopilla I viaggi di Ciopilla - Food and Travel blog

mercoledì 6 aprile 2016

Tartellette aromatizzate ai lamponi alla crema di agrumi

Per favore non chiamatele marmellate !!!


Inizia con questa frase così decisa, la mia avventura con i prodotti dell'Azienda Agricola di Massimiliano Biaggioli che prende il nome di Lamponi dei Monti Cimini e che oggi vi presenterò utilizzando lo zucchero aromatizzato ai lamponi come ingrediente per una ricetta facile e di sicuro impatto visivo per i vostri ospiti. Non chiamatele marmellate è uno slogan di sicuro effetto ma soprattutto è una promessa di un viaggio sensoriale attraverso il gusto e l'olfatto dove l'amore per i lamponi, è alla base della scommessa di esaltare la genuinità e le caratteristiche di questo frutto. Solo due sono gli ingredienti che riescono a fermare i profumi e i sapori: 80% di lamponi e 20% di zucchero. Non serve nulla! Non serve mettere pectina, nessun succo di frutta o qualsiasi altra diavoleria chimica che ne possa esaltare il gusto. Solo due ingredienti. E per favore non chiamatele marmellate !!







Tartellette aromatizzate ai lamponi alla crema di agrumi  

- Ingredienti per pasta frolla 100 g di burro ammorbidito, 100 g di zucchero aromatizzato ai lamponi e 100 g di zucchero semolato, 300 g di farina, 1 uovo. Zucchero a velo q.b.
- Ingredienti per la crema agli agrumi: il succo di due arance, 125  g di burro ammorbidito, 200 g di zucchero semolato, 3 uova. 
- Occorrente: 8 stampini monouso, 1 frusta, 1 teglia da forno, 1 pentolino, stampi per decorare a piacere. 

Il primo passaggio è la preparazione della pasta frolla che andrete ad amalgamare i 100 g di burro ammorbidito (si consiglia di lasciarlo fuori dal frigo) con i 200 g di zucchero (i 100 ai lamponi e i 100 di semolato insieme) per circa dieci minuti, aggiungendo l'uovo e un pochino alla volta la farina. E' un gioco di braccia, bisogna lavorare bene utilizzando la propria forza, fino a quando la pasta frolla non si è compattata diventando liscia. Avvolgerla in pellicola trasparente e lasciarla in frigo per una mezzoretta circa mentre vi accingete a preparare la crema agli agrumi. 
In un pentolino antiaderente spremete il succo di due arance aggiungendo il burro e schiacciandolo piano piano con la frusta (o se fate meglio con una forchetta), aggiungete a questo punto lo zucchero e le uova mettendo il tutto sul fuoco aiutandovi con la frusta per non formare i grumi. Lasciate cuocere fino a quando non incomincia a bollire e in caso la crema sia troppo liquida (dipende anche dalle uova) potete aggiungere un piccolo cucchiaio di farina. Una volta che la crema è pronta, lasciatela raffreddare preparando gli stampi con la frolla. 





Preriscaldare il forno a 180°

Tirate fuori la vostra pasta frolla, lavorandola con le mani per cinque minuti e stendetela sulla spianatoia dove andrete a formare le vostre tartellette e la decorazione che volete usare.  Aiutandovi con il vostro stampo monodose (oppure con un bicchiere largo) fate tanti piccoli cerchi quanti sono i vostri stampi e formando un piccolo bordo. Inserite la vostra crema agli agrumi (che è ancora tiepida quindi attenzione a non scottarvi!) e coprite con un pezzo di pasta frolla che avete precedentemente tagliato nella forma che volete. Noi abbiamo preferito usare gli stampi con i numeri (stiamo imparando a leggere e a contare!) ma voi potete semplicemente ricoprire con la frolla rimasta, ogni tartelletta. Ponete i vostri contenitori con la pasta frolla riempita di crema agli agrumi su una placca forno e cuocete per circa 20/25 minuti a 180° fino a quando non saranno dorati. Spolverate con dello zucchero a velo o frullate se vi rimane, lo zucchero ai lamponi per farlo diventare ancora più sottile e spolverate con esso i vostri dolcetti. 

E se con questa ricetta vi è venuta voglia di provare i Lamponi dei Monti Cimini, un idea ve la do ben volentieri: il loro sito pieno di novità, curiosità ma soprattutto con la possibilità di acquistare nel loro shop on line tantissimi prodotti e mi raccomando: non chiamatele marmellate!! 










Posta un commento