I viaggi di Ciopilla - Food and Travel blog

giovedì 22 ottobre 2015

Lasagne di crespelle con prosciutto cotto e speck

Quando ero piccola, sotto il periodo di Natale, arrivava a casa della mia nonna paterna un grande pacco contenente tantissimi prodotti. Un maglione di lana grossa creato dalla mia zia Agnese, un piatto di ceramica artigianale proveniente dal paese di mia zia e tantissimi dolci con le mandorle. I ricordi di quel periodo sono conditi di dolcezza e anche tanta tristezza negli occhi di mia nonna che vide la sorella molto giovane, allontanarsi da Ferrara per sposarsi con il suo fidanzato e partire per una terra che sembrava lontana ma ricca di fascino: la Sardegna. Nei miei ricordi di bambina rimangono tantissimi sapori e gusti che sono nati dalle mani sapienti di questa zia che non ho mai conosciuto e di una terra che per tantissimi motivi, non ho mai visitato ma che un filo ci lega costantemente. E dalla Sardegna arriva un vino: Erema, il vino rosso più giovane della cantina Siddura. Siamo in piena Gallura, la regione storica a nord ovest della Sardegna che comprende la più conosciuta Olbia e Tempio Pausania. 




Il suo rosso rubino, quasi tendente al violetto, con una nota delicata dei piccoli frutti del sottobosco, ciliegia e macchia mediterranea, ci permette di abbinarlo a un piatto di mare o di terra. Ed io ho voluto provare un abbinamento diverso utilizzando le crespelle con un prosciutto cotto e dello Speck valdostano, con una besciamella molto liquida e cremosa creando così un piatto di lasagne dai sapori decisi. 






Ingredienti per 15ina di crespelle salate da 20 cm (aumentate le dosi se ne volete di più) : 250 g di farina 00, 1/2 di latte, 3 uova, un pizzico di sale e burro/olio per la cottura. 
Ingredienti per le lasagne di crespelle: 500 g di besciamella, 20 ina di fette di prosciutto cotto e 10ina di fette di speck valdostano, parmigiano grattugiato. 

Preparazione delle crespelle: setacciare la farina in una ciotola, unire il pizzico di sale e aggiungere il latte mescolando bene con una frusta elettrica, stando attenti al non formarsi dei grumi. Incorporare le uova e continuare a mescolare con la frusta fino a quando non si ottiene una pastella liscia e fluida. In caso si formassero i grumi si può utilizzare un colino a maglia larga per filtrare la pastella. Lasciate riposare per circa un oretta coprendo la ciotola con della pellicola e al momento di utilizzarla, dare una passata di frusta per ricomporre la pastella. Spalmare - utilizzate della carta da cucina - con il burro o l'olio una padella di circa 20 cm con il bordo basso (ne esistono tante in commercio per le crepés) e lasciatela sul fuoco per un mezzo minuto, che diventi calda e con un mestolo versate il composto. A differenza delle crepes, le crespelle sono più sottili e vale quindi la regola di farsi aiutare dall'occhio e dal fatto che non sempre riescono al primo impatto. Procedere così fino alla fine dell'impasto, ricordando di imburrare o ungere ogni due/tre crespelle sempre con l'aiuto di un pezzo di carta da cucina. 
Una volta raffreddate le crespelle, prendete una pirofila e mettete uno strato di besciamella, procedendo con la crepes e una fetta di prosciutto o di speck. Una crespella, besciamella e prosciutto fino ad arrivare alla fine del numero di crespelle cotte e ogni tanto spolveratele con il parmigiano grattugiato. Non preoccupatevi se la besciamella uscirà dalle crespelle, è il loro buono. 

Cuocere in forno ben caldo a 180° per una ventina di minuti fino a quando non si forma una crostina dorata sopra e servite caldo con un bel bicchiere di Erema di Siddura 


Buon appetito viaggiatori e alla prossima ricetta 



Per qualsiasi informazioni sui prodotti di Siddura
potete cliccare sul loro sito aggiornato e 
ricco di informazioni