Zucchine ripiene alla mortadella | I viaggi di Ciopilla I viaggi di Ciopilla - Food and Travel blog

martedì 18 agosto 2015

Zucchine ripiene alla mortadella

Piccola confessione di fine estate: essere una amante della cucina e del proporre ricette non vuol dire inventarle sempre. A volte arriva una illuminazione davanti al frigo (sempre vuoto) oppure mentre si fa la spesa ma spesso e ben volentieri, si cerca di ricopiare dalle riviste ma .... non sempre risultano uguali a quelle raffigurato. E la ricetta che vi propongo oggi ha avuto questo processo illuminante. Me ne sono innamorata leggendola su Cucina Moderna ed ho provato a rifarla come la foto ma il risultato non è uguale. Gustosa ugualmente e forse meno accattivante a livello estetico ma sicuramente da replicare per un altra cena o come pranzo da portare al lavoro. 




Zucchine ripiene alla mortadella


Ingredienti per quattro persone
4 zucchine medie, 150 gr di mortadella, 150 g di mollica pane raffermo, 1/2 bicchiere di latte, 1 uovo, 4 cucchiai di graa grattugiato, erba cipollina, 1 cucchiaio di prezzemolo tritato, 1 spicchio d'aglio, 10/12 pomodorini, 1 bustina di pomodoro doppio concentrato L'essenziale Petti 4 cucchiai di olio di oliva extravergine, noce moscata, sale e pepe 

Preparazione: Lavate le zucchine, dividetele a metà e togliete la polpa con l'aiuto di un cucchiaino, tenendola da parte. Salare le zucchine e cuocerle a vapore tenendole leggermente al dente (verranno cotte successivamente in padella). In una ciotola ammorbidite il pane con un uovo sbattuto e il latte e nel mentre usando  una pentola mettere le zucchine spezzettate con una forchetta (non frullatele altrimenti fanno acqua), un goccio d'olio evo e l'aglio lasciando soffriggere per alcuni minuti. Nella ciotola con il pane ammorbidite aggiungete le zucchine, la mortadella finemente tritata, il grana, il prezzemolo, l'erba cipollina, sale, pepe e noce moscata.

Riempire così le zucchine con il composto e in un goccio di olio evo insieme ai pomodorini precedentemente tagliati in due parti e aggiungere una bustina di pomodoro concentrato, cuocendo a fuoco medio e con coperchio per una 20ina di minuti. 

L'abbinamento per questo piatto è un vino di grande struttura e dotato nel contempo di ottima acidità, che anche se nella sua origine proviene dalla regione francese di Bordeaux ha trovato nel terreno dell'azienda vinicola Tenuta Luisa, un ottimo alleato per la sua formazione. L'origine di sauvage selvaggio in origine francese, ha dato il nome per questo Sauvignon che si abbina bene con pietanze dal gusto deciso.