Ribolla gialla una produzione di Tenuta Luisa

Lo confesso - ormai è un periodo che lo faccio con voi cari lettori - che quando il maritozzo ha parlato di abbinare a un piatto di spaghetti cozze e vongole, tale Ribolla gialla, la mia faccia è stata indecifrabile. Per la testa mi sono uscite miliardi di domande e altrettanti punti interrogativi che si possono riassumere con un bel : di cosa stai parlando maritozzo? [Leggasi con la voce di Wil Smith nel telefilm Il principe di Bel air] .




Non posso negare che la mia ignoranza in fatto di vini è imponente a confronto del maritozzo che adora provare e assaggiare qualità diverse anche durante il pasto, cosi da farmi venire una curiosità tale che mi sono informata sulle sue origini. Le origini della Ribolla gialla - simbolo del Friuli Venezia Giulia - sono ancora incerte, come possiamo leggere sul fornitissimo sito di Tenute Luisa, che ha gentilmente offerto una bottiglia di questo vino autoctono da accompagnare a un piatto di spaghetti alle vongole e cozze. Adatto per questo tipo di piatto, è l'ideale anche per antipasti di pesce e pesci bianchi delicati, ostriche ma anche per un aperitivo dove il gusto degli abbinamenti sia delicato, da esaltarne il suo retrogusto di note floreali. 








Bianco o rosso, autoctoni o millesimeé, sono solo alcune delle produzioni di questa azienda vitivinicola friulana che da oltre ottant'anni ha reso in un lavoro la passione per la terra e i suoi frutti. Non vi parlerò della loro storia - trovate raccontato magnificamente sul loro sito ogni momento intenso di come questa famiglia da pochi ettari è riuscita a dare vita a un tenuta famigliare - ma vi lascerò una frase tra le tante dimostrazioni di passione che potete trovare sul loro sito e che può darvi l'idea di come la grinta sia il tema trainante di questa passione per il proprio lavoro. E se siete interessati ad acquistare un loro prodotto QUI troverete i punti vendita dove poterli assaggiare e comprare. 

“In Tenuta Luisa le persone entrano da clienti ed escono da amici. Da noi brindiamo sempre dicendo “cin, cin, salute ed amicizia!”                                                                          Nella Luisa



Post popolari in questo blog

Tenerina di zucca e amaretti

Ravioli dolci al forno ripieni di confettura ai fichi neri

Pizza di pane al pomodoro e salamino piccante