Parco faunistico Valcorba un oasi di pace e di emozioni | I viaggi di Ciopilla I viaggi di Ciopilla - Food and Travel blog

martedì 9 giugno 2015

Parco faunistico Valcorba un oasi di pace e di emozioni

Quando la famiglia Ciopilla si muove arriva molto lontano anche se fa caldo e c'è un afa che ammazza pure le zanzare. Prendiamo la macchina nonostante i trenta gradi all'ombra e partiamo alla ricerca di nuove avventure: direzione Parco Faunistico Valcorba.

Raggiungere il parco è alquanto facile e non dista molti chilometri da Ferrara. L'uscita autostradale della A13 è Boara Pisani passando per la cittadina di Stanghella che composta da una strada e venti case è l'habitat naturale per ospitare un vero e suggestivo Parco faunistico. 



Il Parco di Valcorba è un oasi di pace e di tranquillità che ospita fino a 50 specie di animali nati esclusivamente in cattività negli zoo italiani o nello stesso parco, che non sono stati sradicati dalle zone di provenienza. 
In un aerea di 200 mila ettari di verde, acqua e alberi, il parco è un centro di ricerca e di educazione ambientale adatto per famiglie  che possono vedere da vicino animali in via di estinzione ma costruito in maniera tale da non sottoporre l'animale a estenuanti dimostrazioni di sè. Se pensate di andare allo zoo vi sbagliate di grosso perchè il parco ha in mente solo il rispetto della natura in tutte le sue forme. Ogni habitat è a misura di animale che viene ospitato e con elementi legati alla natura stessa come pietra naturale, legno e piante originali della zona di appartenenza. 


Noi ci siamo stati in una giornata di caldo e siamo arrivati presto trovando il comodo parcheggio gratuito con la possibilità di lasciare la macchina sotto gli alberi che fanno ombra. Il parco apre alle 9.30 e chiude alle 18.30 durante il periodo di massima influenza dei visitatori* ed ha un costo di 12,50 e di 8 euro per i bimbi dai 4 anni ai 7 anni ma attenzione si paga solo in contanti (non sono accettate carte di credito e bancomat)*.

Pagato il biglietto solo per adulti - Ciopi è entrata gratis - ci siamo addentrati fra i viali che attraversano tutto il parco con la possibilità di sederci per godere dell'ombra quando il sole si fa cocente. Sofia si è divertita tantissimo soprattutto ha potuto vedere da vicino il leone e la sua signora, che in una giornata di tranquillità hanno mostrato un momento di coccole e voglia di dormire a pancia in sù davanti agli occhi meravigliati dei bambini presenti. 

Il naturale habitat dove sono ospitati gli animali lo possiamo osservare ad esempio nella zona del leopardo che vanesio si metteva in mostra davanti agli obiettivi per farsi fotografare oppure la facilità con cui le giraffe giravano nei loro recinti facendosi coccolare dai bambini senza averne timore. 


  • E prima di salutarvi vi lascio alcune informazioni per chi si appresta a visitare il Parco: parcheggio comodo, all'ombra ma soprattutto gratuito;
  • Aree di sosta per pic nic con la possibilità di lasciare la borsa frigo nell'apposito spazio nell'entrata per poi recuperarlo quando è ora di mettersi a tavola;
  • Bar forniti di gelati,panini e bibite;
  • Bagni attrezzati per i bimbi piccoli - con il fasciatoio - e per i diversamente abili, dislocati in tutto il parco;
  • Aiuole e strade percorribili con i passeggini e per i diversamente abili.
  • Per qualsiasi informazione il Parco è a disposizione sia al numero di telefono +39 0429 773055 sia sul sito ufficiale →→ Parco Faunistico Valcorba ←←

Sicuramente ci torneremo nei prossimi anni perchè oltre ad essere comodo per chi vive dalle nostre parti è anche un ottima occasione per educare i bambini al rispetto della natura e dei suoi animali. Alla prossima 

Sabrina 









                                                              


                                                                          



                           



                    








*Dati aggiornati al 17 agosto 2017 per qualsiasi informazioni su orari e prezzi rivolgersi alla Direzione o visitare il sito → Parco Faunistico Valcorba 
** Nessun compenso è stato pagato per scrivere questo articolo

Posta un commento