I viaggi di Ciopilla - Food and Travel blog

giovedì 11 settembre 2014

E io non voglio smettere di ricordare!

All'inizio non volevo scrivere questo post e all'inizio mi sono detta che mai mi sarei conformata alla massa di chi ricorda quel giorno ma i ricordi, come le lacrime, sono bastarde. Si accendono, partono, fanno voli e creano nuvolette di pensieri, di immagini e di sensazioni. E cosi parti con la mente e per un attimo rivivi quel giorno attimo per attimo: il messaggio di una collega che ti dice di accendere la televisione, il tabaccaio al Pantheon che ti vende le sigarette con l'orecchio incollato alla radio, la mano sudata di chi accompagni che si stringe sempre più forte sulla tua ma non senti dolore, il tram che ti riporta a Monteverde in un silenzio surreale e i visi degli sconosciuti che si perdono nella tua incredulità. E alla fine questo post lo scrivi perchè non vuoi e non puoi dimenticare. Perchè smettere di scrivere di quel giorno è come smettere di ricordare. E io non voglio smettere di ricordare il dolore.