Nel laboratorio del re delle torte | I viaggi di Ciopilla I viaggi di Ciopilla - Food and Travel blog

sabato 22 febbraio 2014

Nel laboratorio del re delle torte




L'altra notte ho sognato il laboratorio di Buddy. Avete presente il re delle torte? Si l'italoamericano amante e mago del mondo delle creazioni di torte che ha spopolato in questi anni in un programma televisivo e creatore della moda del cake design. 
Mi trovavo nel suo laboratorio fra pasta di zucchero e impastatrici piene e ricolme di creme di ogni tipo. La panna montata con granella croccante, la crema di nocciola che ribolliva da un pentolone, rotoli e rotoli di pasta sfoglia o forse era frolla - la confondo sempre - e in mezzo a tutto quella bontà c'era lui con in mano un mattarello infarinato. Nessuna parola, nessun accenno ma solo questo mattarello che mi viene offerto. Il silenzio tra di noi e il panico in me hanno prodotto una bellissima e golosissima ..... Non lo so! A quel punto mi sono svegliata con una sensazione di incompleto e la voglia di dimostrare al caro Buddy, che anche io posso diventare una bravissima cake designer.

Primo step per diventare una cake design: comprare i prodotti adatti utilizzando internet come aiuto nelle ricerce 


Secondo step: rendersi conto che ci sono troppi e shop che propongono prodotti per le cake disegn e buttarsi sul negozio virtuale che già hai acquistato in passato e presentato (parlo di zizuu.com

Terzo step: rivolgersi agli specialisti di prodotti alimentari per arricchire le torte e anche qui rendersi conto che troppe cose tutte insieme, mandano in tilt il tuo cervello, creando maggiore confusione alle poche informazioni che si hanno a disposizione. Dopo una ricerca estenuante e con il fiato sul collo di Buddy, ho trovato un sito spagnolo ed esattamente della zona di Alicante, Costa Blanca. Prodotti adatti ad un professionista ma anche al semplice utente medio, i prodotti venduti da Kelmy sono pronti all'uso e adatti da utilizzare subito. 

Quarto step: tirare fuori la carta di credito e fare shopping! Sappiate che per un attimo il fiato di Buddy sul collo è diventato un simpatico venticello primaverile che soffiava lentamente e piacevolmente. 

Quinto step: aprire la porta al corriere e nascondere la fattura al Capo perchè non capisca la spesa fatta con la sua carta di credito e infine prendere la macchina fotografica, scattare le foto e postare sul blog, i prodotti acquistati on line. 





Ed eccoli qui: sei pannetti di pasta di zucchero ai gusti e colori più strani (fondant), pasta di glassa per i cup cake (frosting) e zucchero a velo (azucar) pronti all'uso di un esperimento culinario che andrò a mostrarvi. La mia prima scelta è stata concentrata inizialmente dai fondenti - fondant - che utilizzati a freddo sono facili per decorare torte, cupcake o qualsiasi dolce che vogliate ricoprire. La gamma dei sapori e dei colori è fenomenale adatta alla fantasia di ognuno di noi come potete osservare nella tabella dei colori mostrata qui sotto.






Il secondo pensiero fantasioso è andato al Kelmy Frosting utilizzabile per decorare come se fosse una crema o una glassa morbida i cup cake o i biscotti a seconda di cosa si voglia provare a sperimentare. I gusti sono tantissimi e solo vedere le immagini postate mi viene voglia di provarli tutti ma mi sono soffermata solo sul gusto caffè e sul gusto vanilla azul.





Per la prima volta mi sono quindi dedicata a una torta con l'intento di decorarla e il concetto di fondo mi è stato consigliato da una amica Tonia, di Le mie ossessioni : una valigia per ricordare il tema di fondo del mio blog. E cosi mi sono lanciata corpo, farina e pazienza verso l'esperimento e utilizzando i seguenti ingredienti: panna fresca da montare (125 ml), fragole (due cestini), pan di spagna (comprato già fatto) e cinque dei sei pannetti di fondant di Kelmy (gusto Gris, Norangia, Vainilla, Pistacho e Azul bebè). 
La prima parte di questa ricetta è stata quella di lavare, tagliare e mettere sotto zucchero le fragole, montare la panna fresca e unirle per spalmarle nei due strati di pan di spagna che è stato leggermente bagnato dal succo delle fragole e  per ammorbidirlo. E poi via di sgnadur - dal ferrarese mattarello - per stendere la pasta di zucchero. Il risultato non è dei migliori ma posso ritenermi soddisfatta essendo stata la mia primissima volta che usavo questo tipo di prodotti. 




Se volete acquistare, dare un occhio alle delizie di questo negozio dal sapore caliente spagnolo cliccate sul logo  e lasciatevi conquistare dalla dolcezza dei suoi prodotti e dalla fantasia che vi trascinerà in un mondo meraviglioso del cake design. Ahh e Caro Buddy la prossima volta che decidi di venire a trovarmi in sogno, almeno portami qualcosa di già preparato da te, cosa gradita e ben accetta. 



Posta un commento