La piccola biblioteca di Ciopilla | I viaggi di Ciopilla I viaggi di Ciopilla - Food and Travel blog

lunedì 18 novembre 2013

La piccola biblioteca di Ciopilla

Nella mia carriera di educatore negli asilo nido è capitato spesso che i genitori mi chiedessero consiglio su letture aventi come tema l'infanzia e il rapporto con i bambini. Raramente consiglio libri perchè devono essere a mio parere scelte sentite con il cuore e scelti con quell'impeto che è l'amore per la lettura. Il mio consiglio è sempre stato quello di porsi davanti allo scaffale di una libreria e lasciarsi trasportare dalle emozioni, dai sentimenti arrivando a scegliere il libro adatto al momento che si vuole affrontare. Negli anni - con le due gravidanze - il mio trasporto è stato diverso e gli argomenti si sono susseguiti uno dietro all'altro senza un momento di respiro. Ero assettata di conoscenza - soprattutto con il primo figlio - e mi sembrava di non trovare aria senza una conoscenza scritta sul mondo dei bambini. Così nella mia libreria siamo passati da un classico come "Il linguaggio segreto dei neonati" di Tracy Hogg al più crude irreale di "Fate la nanna" di Estivill. Due libri opposti fra di loro che letti nel delirio degli ormoni lasciano un segno nel futuro educativo di ognuno di noi ma che all'atto pratico del momento della nanna di un primo figlio, ti lasciano un punto interrogativo grande come una casa, in testa. Passi l'aver comprato un libro inutile come "Il mestiere di papà" (Martin Greenberg) o l'aver riso con "Non solo mamma" di Claudia de Lillo ma mi domando ogni giorno che guardo la mia libreria cosa ci faccia un libro di Camila Raznovich nella mia libreria. Mai libro più insulso fu pubblicato e mai soldi spesi male io ho abusato. Alla fine di tutta questa chiacchierata di un lunedi mattina nebbioso e freddo, un consiglio ve lo voglio dare - anzi dire due consigli - che sono racchiusi nella semplicità di un libricino di Ilaria Mazzarotta che si chiama "Due cuori e una culla" seguito di un bellissimo momento di golosità che è "Due cuori e un fornello". Duecento pagine - per me è un libricino abituata a tomi di triple pagine di questo - spiritose e dolci che lasciano un segno di normalità in ognuno di noi mamme o di future mamme. 
Buona lettura!!