giovedì 26 maggio 2016

Spaghetti alla crema di limone e noci

Ci sono giornate in cui non hai un secondo di tempo e giornate in cui il silenzio della casa risulta fastidioso. E cosi ti metti a cucinare per non pensare, creando una ricetta con quello che trovi a portata di mano. Posso dire che questa ricetta nasce proprio cosi . Per caso con quello che avevo a disposizione in quel momento e senza pensare alle dosi degli ingredienti. Unica nota certa di questa ricetta è il vino che lo accompagna e che vi presenterò brevemente sotto alle foto e alla preparazione della ricetta ma che vi anticipo ha un nome che rende bene il mio stato d'animo in questo periodo: matto!









Ingredienti per Spaghetti alla crema di limone e noci : pasta lunga tipo spaghetti alla chitarra, una noce di burro, scorza di un limone, un cucchiaino di succo di limone, 2 cucchiai di panna da cucina, sei/sette noci già sgusciate, 1 spicchio di aglio,sale, pepe q.b.

Preparazione: far bollire l'acqua per cuocere la pasta e nel frattempo procedere alla crema di limone. In un pentolino fate sciogliere la noce di burro aggiungendo lo spicchio d'aglio che andrete a togliere subito senza rischiare che si bruci. Aggiungete la scorza di un limone e il succo dello stesso, lasciando che il burro ne prenda il suo aroma, e andate a togliere la scorza aggiungendo la panna da cucina. Spegnete dopo aver girato con un cucchiaio di legno. Scolate la pasta lasciando un paio di cucchiai di acqua di cottura che unirete alla crema di limone per condirne la pasta. Prima di servire spolverata di pepe e delle noci che avrete tagliato in piccoli pezzi. Servire caldo!



La scelta di abbinare Matto delle Cantine Pepi è tanto per cambiare una scelta azzardata ma a me piace andare contro ogni previsione e schema razionale, scegliendo il vino che in quel momento ispira ed attira la mia curiosità. E Matto di curiosità me ne ha ispirata tanta. Ovviamente a partire dal suo nome che riprende il nome del vitigno Syrah. Si dice che sia di provenienza persiana, forse siciliana di Siracusa con una nota francese. Un vitigno che ha viaggiato tanto e che trasmette grazie a suo rosso rubino, percezioni di gusto alquanto intense. Elegante e raffinato, sorprende e stupisce il palato per il suo sapore piacevolmente tannico. Sentori speziati e di frutti rossi, da servire con una temperatura di 16-18° C. 




Registrandosi sul portale i Segreti delle vignaiole potrai avere vantaggi e benefici esclusivi. Quali sono questi esclusivi vantaggi? Una raccolta completa di tutte le ricette che verranno create attorno ai nuovi (e le novità sono veramente tante!), una raccolta della rubrica I viaggi di Vignaiole ovvero una guida dei borghi dimenticati della Sicilia orientale ma soprattutto per chi si registrerà alla piattaforma avrà la possibilità di conoscere in anteprima e di acquistare prodotti che ancora non sono sul mercato. Sarà così possibile acquistarli tra alcune settimane a condizioni vantaggiose e in assoluta esclusiva rispetto al resto degli appassionati. Per accedere alla Lista di Pre lancio c'è bisogno di un invito che offro a voi - cari viaggiatori - con la promessa che iscrivendovi alla lista non avete nessun obbligo di acquisto. 



Parola di Sabrina, Erika e Rosa! Ahhhh dimenticavo essendo il portale segreto bisogna registrarsi inserendo una parola d'ordine che vi regalo in esclusiva. Per registrarsi a i Segreti delle Vignaiole basta inserire il proprio nome, l'email e il codice ciopilla negli spazi appositi ed entrerete in un mondo esclusivo tutto per voi !!





mercoledì 25 maggio 2016

Panino al sesamo con stracciatella, salmone affumicato e pomodorini allo zenzero

Fissarsi con una ricetta è una mia prerogativa. Fino a quando non trovo la combinazione giusta degli ingredienti, continua a sperimentarla e proporla in famiglia. Alla fine la ricetta approda qui sul blog. Stesso procedimento sperimentale è avvenuto per i panini al sesamo che vi presento oggi e che ho arricchito con una stracciatella, pomodorini conditi allo zenzero ed olio Evo, una fetta di salmone affumicato. Vediamo con ordine il procedimento





Ingredienti per 8 panini: 250 g di farina 0, 250 g di farina manitoba, 30 g di burro a temperatura ambiente, 1 cucchiaio di zucchero, 140 ml di latte e 140 ml di acqua mescolate insieme, 1/2 bustina di lievito di birra, 15 g di sale, 2 cucchiai di semi di sesamo e 1 per la decorazione finale insieme a un tuorlo d'uovo per la spennellatura 

Ingredienti per la farcitura: una ventina di pomodorini tipo ciliegine, stracciatella di mozzarella, otto fette di salmone affumicato, polvere di zenzero, sale, olio evo. Sale q.b.

Preparazione: utilizzando l'impastatrice utilizzo le due farine nella ciotola aggiungendo lo zucchero e il lievito. Al suo centro farò una piccola fossa dove andrò a inserire il burro che abbiamo lasciato a temperatura ambiente e faccio partire la planetaria a velocità molto bassa. Incorporo lentamente l'acqua col latte aumentando la velocità fino a farla divenire media. Unisco il sale e per ultimo il sesamo in semi. L'impasto lavorato dovrò essere omogeneo e liscio al tatto, andando a riposare in una ciotola ricoperta da uno strofinaccio leggermente umido fino a quando non raggiunge il doppio della sua forma. Una volta che il volume è aumentato, andrò a formare con le mani gli otto panini e li lascerò per un altro paio di ore in un luogo leggermente umido ma riparato dalla luce. Una volta che i nostri panini hanno preso la giusta altezza, accendo il forno a circa 200° e spennello ognuno di loro con il tuorlo dell'uovo e un goccio di latte, spolverizzandoli di semi di sesamo ed andando a cuocere per circa 30 minuti. Li lascerò raffreddare prima di servirli. 

Nel momento in cui i panini si raffreddano prepariamo i pomodorini che andremo a lavare e tagliare in quattro parti aggiungendoli in una ciotola insieme a olio Evo, sale e lo zenzero in polvere. Lasciamo macerare per il tempo che i panini si raffreddino e andiamo a servirli con uno strato di stracciatella di mozzarella, uno strato di pomodorini e il salmone a fette con l'aggiunta se vi piace di ulteriore sesamo. 


Panini da tempo cercati e finalmente trovati, pronti per voi, cari viaggiatori ^_^

Alla prossima da Sabrina 




lunedì 23 maggio 2016

Quiche di asparagi e robiola

Ricetta svuota frigo semplice e facile: Quiche di asparagi e robiola ovvero torta salata vegetariana. Leggendo in giro per la rete ho scoperto che la quiche è una torta salata originaria delle Francia e precisamente della ragione di Alsazia - Lorena ed ha come base la pasta briseé, la quale viene farcita con un composto di panna, uova e ingredienti a proprio piacere. La mia versione essendo un svuotafrigo è diversa ma allo stesso gustosa. 






Ingredienti: un rotolo  di pasta briseé o di pasta sfoglia nella forma tonda(io preferisco questa seconda), 1 uovo per la farcitura e 1 uovo per la spellatura, 125 g di formaggio robiola, 4 cucchiai di parmigiano reggiano grattugiato, una decina di asparagi precedentemente cotti al vapore, sale, pepe q.b

Procedimento: in una ciotola amalgamate robiola, parmigiano reggiano grattugiato, pizzico di sale e un uovo sbattuto leggermente. Aggiungete solo alla fine gli asparagi senza spingerli verso il fondo ma lasciandoli liberi di amalgamarsi con l'impasto. Stendete la pasta sfoglia e buccherellate il suo centro per poi riporlo in un contenitore per il forno leggermente più piccolo della forma della pasta sfoglia per poter creare un orlo di contenimento. Ponete nel contenitore da forno lasciando i bordi verso l'esterno, versate il composto e copritelo con il bordo della pasta creando con le mani delle piccole onde. Spennellate con l'uovo leggermente sbattuto e mettete in forno per 30 minuti a 180° fino alla sua doratura. Servire caldo 

Sperando che questa mia ricetta svuota frigo vi sia piaciuta mi piacerebbe leggere qualche commento 

Alla prossima viaggiatori ^_^




giovedì 19 maggio 2016

Risotto con fagioli borlotti e Coppa Piacentina

Giornate impegnate e poca voglia di passare la giornata davanti ai fornelli. E allora via con un piatto gustoso, ricco di ingredienti e soprattutto nutriente per tutta la famiglia: risotto con fagioli e coppa piacentina! 





Ingredienti per quattro persone: 1/2 bicchiere di riso Arborio a testa, 1 barattolo di borlotti e/o cannellini o 300 g di fagioli borlotti precedentemente cotti, 1/2 cipolla rossa, 4/5 fette di coppa Piacentina, 1 litro e mezzo di brodo di carne e/o vegetale, olio extravergine di oliva q.b. ,mezzo bicchiere di vino rosso corposo e una noce di burro. 

Preparazione:  in una padella antiaderente fate soffriggere in un goccio di olio Evo la cipolla rossa tagliata grossolanamente e aggiungete il riso poco alla volta girando lentamente. Sfumate con il vino rosso, aggiungendo un mestolo di brodo di carne caldo fino a livellarne la quantità di riso. Procedete a fuoco basso aggiungendo ogni volta il brodo e girando veramente poco. A metà cottura dopo aver scolato i fagioli borlotti, amalgamate il riso mescolando lentamente e aggiungendo altro brodo caldo. La cottura del riso è di circa quindici minuti e una volta che ritenete che sia adatto al vostro gusto (a me piace leggermente duro il chicco di riso) spegnete e aggiungete la Coppa Piacentina tagliata a mano in piccoli pezzetti e la noce di burro ma senza amalgamare il tutto. Coprite con un coperchio e lasciate a fuoco spento per cinque/sei minuti. Una volta che il burro si è sciolto potete rigirare il risotto con un cucchiaio di legno e servire il tutto nei piatti pronti per essere sbranati 


In abbinamento a questa pietanza oggi vi offro un bicchiere di vino bianco dal nome particolare Salto Grillo e con l'etichetta che riporta a un animaletto che a me piace tanto: il grillo! Con suo giallo paglierino dai riflessi verdi belli vivaci  ci porta alla mente un tocco di agrumi e frutta esotica abbinato a note di fiori bianchi . La produzione della filiera di uva denominata Grillo in purezza, proviene dalla Sicilia Orientale e lo possiamo servire a una gradazione di circa 12° creando grazie alla buona acidità, una sintonia con i profumi della terra che si mischiano alla pietanza abbinata. 
Cantine Pepi il quale è il produttore di questo vino dall'etichetta salterina ha appena pubblicato un interessante iniziativa per chi ama conoscere la realtà siciliana e vuole rimanere sempre aggiornato sulla produzione di vino della loro cantina. 

Registrandosi sul portale i Segreti delle vignaiole potrai avere vantaggi e benefici esclusivi. Quali sono questi esclusivi vantaggi? Una raccolta completa di tutte le ricette che verranno create attorno ai nuovi (e le novità sono veramente tante!), una raccolta della rubrica I viaggi di Vignaiole ovvero una guida dei borghi dimenticati della Sicilia orientale ma soprattutto per chi si registrerà alla piattaforma avrà la possibilità di conoscere in anteprima e di acquistare prodotti che ancora non sono sul mercato. Sarà così possibile acquistarli tra alcune settimane a condizioni vantaggiose e in assoluta esclusiva rispetto al resto degli appassionati. Per accedere alla Lista di Pre lancio c'è bisogno di un invito che offro a voi - cari viaggiatori - con la promessa che iscrivendovi alla lista non avete nessun obbligo di acquisto. 

Parola di Sabrina, Erika e Rosa! Ahhhh dimenticavo essendo il portale segreto bisogna registrarsi inserendo una parola d'ordine che vi regalo in esclusiva. Per registrarsi a i Segreti delle Vignaiole basta inserire il proprio nome, l'email e il codice ciopilla negli spazi appositi ed entrerete in un mondo esclusivo tutto per voi !!








lunedì 16 maggio 2016

Torta ai mirtilli neri e more

Mirtilli? More? Frutti di bosco? Ne abbiamo! Idea gustosa e veloce per far mangiare questi frutti ai bimbi senza impasticciarsi dalla testa ai piedi con il loro succo. E visto che a scuola si farà la festa di fine anno e devo organizzarmi in tempo per trasportare al meglio la mia torta, ho pensato di mettermi avanti e acquistare un porta torta particolare. Si chiama Ice Cake Holder ed è prodotta da Snips il quale offre si un recipiente per trasportare i nostri dolci ma al suo interno è attrezzato con un mattoncino refrigerante con lo scopo di mantenere alla giusta temperatura la nostra creatura. Basta metterlo in frigo e lasciarlo li fino al suo utilizzo che andrà una volta che vogliamo trasportare la nostra torta - anche una torta gelato - inserirlo nella Ice Cake Holder, appoggiarsi sopra il suo coperchio e richiudere il tutto con la campana protettiva della torta che sarà chiusa ermeticamente grazie alle sue chiusure e alla maniglia ergonomica. Adatta a torte con una altezza di 11 cm e una circonferenza di 28 cm accoglie sia torte gelato che torte che abbiano bisogno di rimanere al fresco per essere gustate al meglio! E prima di passare alla ricetta, è con orgoglio che annuncio che questi prodotti sono esclusivamente 100% made in Italy ma soprattutto sono BPA free, come piacciono a noi!







Ingredienti: 150 g di mirtilli, 50 g di more, 180 g di farina, 150 g di zucchero semolato, 1 uovo grande 125 ml di latte temperatura ambiente, 85 g di burro temperatura ambiente, 1/2 bustina di vaniglia, 1 cucchiaino e mezzo di lievito per dolci, 1/2 cucchiaino di sale. Zucchero a velo a piacimento

Occorrente: stampo per torte con cerniera da 28 cm, frusta o planetaria 

Preparazione: montare il burro con lo zucchero per alcuni minuti aggiungendo un uovo e continuando a mescolare con la frusta o la planetaria fino a ottenere un composto omogeneo. Aggiungere poco alla volta il latte mescolando a bassa velocità e successivamente il sale, la vaniglia e per ultimo la farina con il lievito precedentemente setacciato. Il composto che ne deve derivare dovrà essere senza grumi e per ottenerlo basta mettere la velocità media della planetaria utilizzando la frusta per amalgamare al meglio. 
Versare in uno stampo ben imburrato e infarinato aggiungendo senza spingere verso il basso i mirtilli e le more dopo averle lavate e asciugate con un panno per togliere la polvere che si è formata nel trasporto. I frutti di bosco con la cottura scenderanno verso il fondo dello stampo e per questo motivo non è il caso di spingere ulteriormente una volta appoggiati sul composto. Spolverare con dello zucchero semolato per creare uno strato dolce alla torta. 

Al forno per 180° per i primi dieci minuti e a 170 ° per i restanti 50 minuti. Come tutte le torte aiutarsi con uno stecchino per capire se è cotta al suo interno. Servire calda con una pallina di gelato alla crema o vaniglia oppure panna montata . Spolverata di zucchero a velo se vi piace e il gioco è fatto!


                                   [Foto di proprietà di @IviaggidiCiopilla @SabrinaBalugani]


                     [Foto di proprietà di @IviaggidiCiopilla @SabrinaBalugani]

giovedì 12 maggio 2016

Polpette di zucchine con emmental e pancetta Piacentina

Uno .. due ... tre! E adesso della cassa di zucchine appena regalate dal nonno cosa me ne faccio? Detto fatto mi invento una ricettina che piacerà ai bimbi: polpette di zucchine con emmental e pancetta Piacentina ! Ovviamente ai bimbi sarà un piacere mangiarle, perchè a loro piace molto la forma che assume la polpetta ma il marito si siederà a tavola con lo stesso entusiasmo? Basta accostare un signor vino e il gioco è fatto. Pure il Capo sarà soddisfatto della cena che ho preparato. A questo punto uso la carta del Nero d'Avola e delle Cantine Pepi che in questi giorni si affacciano sulla mia tavola con una energia e vitalità unica e travolgente. La scelta di utilizzare Ex - questo è il nome del rosso rubino intenso che ho intenzione di abbinare al piatto - è un idea azzardata essendo un vino intenso e complesso con un profumo delicato di note speziate e frutti neri ma a me piace provare e riprovare. E allora via con un Nero d'Avola servito sui 16/18° per accompagnare le polpette di zucchine con emmental e pancetta Piacentina appena sfornate dal forno e ancora fumanti !

Con questa ricetta partecipo al Contest "Fantasia in cucina con i Salumi La Rocca" utilizzando la magnifica, gustosa e strabiliante Pancetta Piacentina. 






Ingredienti: 200 g di zucchine, 1 uovo, 4 cucchiai di parmigiano reggiano, 70 g di emmental svizzero, 8/10 fette di pancetta Piacentina Salumificio La Rocca, pangrattato q.b. sale, pepe,olio di oliva extravergine q.b, polvere di aglio q.b.

Preparazione: utilizzando una grattugia a maglia larga tagliate le zucchine dopo averle accuratamente lavate e tolte le estremità, lasciandole sgocciolare nel scolapasta con un peso sopra (utilizzate un piattino piccolo). Essendo piene di acqua andranno a infastidire la realizzazione delle polpette e nel frattempo tagliate a piccoli cubetti l'emmental svizzero mettendolo da parte. Una volta che le zucchine sono scolate per bene (rimarrà sempre dell'acqua) aggiungete in una terrina il parmigiano reggiano, l'uovo, pizzico di sale  e in caso siano troppo liquide una volta amalgamate potete assorbire il tutto con il pangrattato. Formate con la mano dei piccoli bocconcini dove andrete a infilare al suo interno i cubetti di emmental che avete tagliato precedentemente. Passate nel pangrattato e metteteli in fila su una placca da forno con della carta apposita. Spolverata di ulteriore pangrattato (la zucchina assorbe molto!), passata di qualche grano di pepe e un goccio di olio extravergine di oliva. Per ultimo spolverata di aglio in polvere. E via in forno per circa 20 minuti a 180° . Una volta che le nostre polpette hanno formato la crosticina, spegnete il forno e mettete sopra di esse la pancetta  che andrà a sciogliersi con il calore del forno spento. 










Prima di passare alla ricetta, vi accennavo del vino scelto per questa pietanza che consiste in un Nero d'Avola dal carattere armonico e ben strutturato. Un vino corposo a tutti gli effetti che va gustato sorso per sorso per assaporarne il suo carattere cosi pieno e che andrebbe abbinato a piatti di carne rossa e stufati ma anche formaggi stagionati che sicuramente ne esaltano il suo sapore. Ho voluto azzardare e devo dire che questo accostamento è stata una sorpresa! Le sorprese non finiscono ovviamente qui: nei giorni scorsi vi ho accennato a un regalo da parte delle Cantine Pepi ed oggi questa sorpresa è sempre più corposa, come il loro vino che vi è presentato nella ricetta. 




Registrandosi sul portale i Segreti delle vignaiole potrai avere vantaggi e benefici esclusivi. Quali sono questi esclusivi vantaggi? Una raccolta completa di tutte le ricette che verranno create attorno ai nuovi (e le novità sono veramente tante!), una raccolta della rubrica I viaggi di Vignaiole ovvero una guida dei borghi dimenticati della Sicilia orientale ma soprattutto per chi si registrerà alla piattaforma avrà la possibilità di conoscere in anteprima e di acquistare prodotti che ancora non sono sul mercato. Sarà così possibile acquistarli tra alcune settimane a condizioni vantaggiose e in assoluta esclusiva rispetto al resto degli appassionati. Per accedere alla Lista di Pre lancio c'è bisogno di un invito che offro a voi - cari viaggiatori - con la promessa che iscrivendovi alla lista non avete nessun obbligo di acquisto. Parola di Sabrina, Erika e Rosa!


Ahhhh dimenticavo essendo il portale segreto bisogna registrarsi inserendo una parola d'ordine che vi regalo in esclusiva. Per registrarsi a i Segreti delle Vignaiole basta inserire il proprio nome, l'email e il codice ciopilla negli spazi appositi ed entrerete in un mondo esclusivo tutto per voi !!

mercoledì 11 maggio 2016

Contest 2016 Acetaia Guerzoni: panino svuotafrigo

Periodo di pic nic, periodo pieno di festicciole a scuola dei bimbi e periodo di tante cheesecake che piacciono tanto a tutti ma che mi lasciano sempre in frigo piccoli rimasugli di formaggi e frutta che spesso non so come utilizzare. 
Ed ecco che arriva in mio soccorso un contest, organizzato da Acetaia Guerzoni dal titolo simpaticissimo Il Panino Svuotafrigo permetterà alla sottoscritta di utilizzare gli ingredienti rimasti nel frigorifero dall'ultima torta di frutta appena preparata.







Ingredienti: 1 filone di baguette, 4 fragole, 4 more, 4 mirtilli, due fette di arancia, 2 cucchiaini di formaggio robiola, un cucchiaino di Crema all'aceto balsamico di Modena Guerzoni. 

Preparazione: aprire il frigo. Scavalcare abilmente ogni tipo di ingrediente rimasto che non è in lista e tirare fuori fragole che andrete a lavare, togliere il suo verde e tagliare in quattro parti. More e mirtilli che passerete nell'acqua fredda asciugandoli con un pezzo di carta cucina stando attenti a non romperli schiacciandoli con le mani. Le fette di arancia rimaste da qualche cocktail del sabato sera e la robiola che vi aspetta stranamente ancora intatta. 

Riscaldate il pane baguette dopo averlo diviso in due parti e spalmate con l'aiuto di coltello la robiola, adagiando le fragole, more, mirtilli e l'arancia senza buccia sul formaggio. Una passata di Crema all'aceto balsamico e servire ai propri ospiti. 






Con questa particolare ricetta che mi permette di svuotare il frigo e di avere un panino dolce, partecipo al Contest di Acetaia Guerzoni che offre ai lettori del blog uno sconto del 20% sugli acquisti effettuati presso lo shop dell'azienda che trovate cliccando QUI e inserendo il codice sconto CONTEST2016